I PIÙ CLICCATI


Powered by Easytagcloud v2.1

Articoli per data

Powered by mod LCA

Sun Wukong


sunwukongCos’hanno in comune le popolarissime saghe manga e anime giapponesi di Dragonball, nate dall’immaginario di Akira Toriyama, e un lunghissimo romanzo cinese risalente a più di quattrocento anni fa? Molto più di quanto si potrebbe pensare!  Infatti il protagonista delle prime due non è altro che la rivisitazione di uno dei personaggi del romanzo di epoca Ming Viaggio in occidente (Xi you ji), attribuito a Wu Cheng’en.

In questo romanzo Sun Wukong (per l’appunto Son Goku in giapponese) è l’astuto quanto prorompente ed indisciplinato re delle scimmie, che nel tentativo di ottenere l’immortalità scatena un pandemonio presso il palazzo celeste dell’Imperatore di Giada (divinità al vertice del pantheon taoista), e viene per questo condannato a cinquecento anni di prigionia, rinchiuso all’interno di una montagna. Viene poi liberato da Guanyin, dea buddista della compassione, a patto che si metta in viaggio con il monaco Xuanzang (anche noto come Tripitaka, figura storicamente esistita), incaricato di andare in India (l’occidente appunto) alla ricerca dei sutra buddisti.

Si uniranno a questa bizzarra compagnia anche un maiale, un demone fluviale e un drago tramutato in cavallo bianco. Le loro avventure sono narrate in modo coinvolgente e molto divertente: leggendo i passi sui combattimenti tra queste creature fantastiche, che si cimentano in mirabolanti trasformazioni  ed “azioni acrobatiche” (è proprio il caso di dirlo!), non si potrà non notare l’affinità con i manga o gli anime di azione!

Il mito di Sun Wukong ha origini molto antiche, ma è stato Wu Cheng’en che con il suo romanzo ha dato a questo irriverente personaggio la fama di cui gode tutt’ora presso il pubblico asiatico.

Naturalmente Akira Toriyama non è stato l’unico a trarvi ispirazione. Già in epoca antica vennero scritti numerosi altri libri con protagonista la scimmia re, ed in epoca moderna altri artisti la usarono come materiale per le loro opere. Per esempio, nel 1967 venne creato l’anime Monkey, distribuito anche in Italia (sebbene senza raccogliere molto successo) con il titolo di Monkey, che narrava in chiave più che altro parodistica le avventure degli strambi pellegrini. Più recente è invece Saiyuki (giapponese per Viaggio in occidente), manga dai toni più scuri e più d’azione, da cui è stata tratta una serie anime, anch’essa distribuita in Italia.

La versione integrale del Viaggio in occidente è lunga più di 1.000 pagine, e potrebbe risultare un po’ difficoltosa da leggere per intero. Esiste tuttavia un adattamento molto valido fatto da Arthur Waley, lungo più o meno un terzo dell’originale, e tradotto anche in italiano con il titolo Lo scimmiotto. Assolutamente consigliato, oltre che agli appassionati di cultura cinese, anche ai fan del Son Goku di Dragon Ball, che sicuramente si divertiranno a scoprire le avventure dell’”antenato” del loro beniamino. 



Articoli correlati

Seguici su:

Login Form