I PIÙ CLICCATI


Powered by Easytagcloud v2.1

Articoli per data

Powered by mod LCA

Quasi Amici


È un film francese del 2011 diretto da Olivier Nakache ed Éric Toledano. Ha sbancato al botteghino non solo in Francia, ma anche in Germania, e ora in Italia sta riscuotendo un successo inaspettato. Il film si ispira alla storia vera di Philippe Pozzo di Borgo, interpretato dall’attore François Cluzet, un tetraplegico ricco e il suo improbabile badante interpretato dall’attore Omar Sy. Tanti erano convinti che “Quasi amici” fosse un film strappalacrime, di quelli che ti fanno uscire dal cinema con il naso e gli occhi rossi. Mai come in questo caso posso dire che qui vince la normalità, quello che emerge non è la lotta al pregiudizio o alla disabilità, ma la straordinaria verità di un uomo spaventato e addolorato molto più della perdita della moglie che della propria condizione fisica.

Credo che il fulcro del film, il vero messaggio che ognuno di noi dovrebbe portare a casa dopo averlo visto, stia in una scena, per me fondamentale. Alla domanda, scontata quanto antipatica, dell’amico di Philippe: “Perché hai scelto lui come tuo aiutante che non ha alcuna esperienza”? Philippe risponde: “Perché non ha nessuna pietà di me, perché mi passa il telefono dimenticandosi che non posso afferrarlo. I disabili cercano la normalità di un affetto che vada oltre il loro status".



Articoli correlati

Seguici su:

Login Form